You are viewing cucuzza

CUCUZZA - conzala come vuoi

Recent Entries

You are viewing the most recent 25 entries.

29th April 2009

3:16pm: LA CONFESSIUNI


Pichi sinteva 'na attaccu di cuscienza, Peppino, un vecchiu omu Sicilianu chi abitava alla piriferia di Palermo ha decisu di ghiri a confessiuni pi pulizziari la sua anima.

Lu Parrinu apriu la purtinedda di lu confessiunali, e Peppino ci dissi: "Benedici Patri pichi iu ha piccatu, duranti l'ultima guerra una bedda signorina tuppuliau alla mia porta e mi pregau d'ammucciarla di li surdati tedeschi - allura l'ammucciava in la mia cantina di vinu."

Lu parrinu ci dissi: "Era 'na cosa tanta cristiana chi tu hai fattu, Peppino. Non ci bisognu di confessari pir chistu."

"Ci sunnu cosi cchiu tinti, cosi cattivi, Patri." E cu chissi paroli s'issau un supraccigghiu spertusa, "Idda mi cumminciau a pagari a mia in riturnu cun... li favuri particulari."

Lu Parrinu era disturbatu, "No, mi vecchiu amicu, non si aveva 'fari chistu, tutti dui puteva esseri in periculu di perderi li vostri animi. Allura, la guerra era circustanzi particulari cu tanti mumenti di piccati, ma si tu si dispiaciusu in lu cuori pi li vostri azioni, si po esseri perdonatu."

"Grazii, Patri. Chistu è un pisu granni livatu di li spaddi mii... ma h'aiu un questiona."

"Chi cosa è, Peppino?" dumannau lu Parrinu.

"Allura, ci lu dicu a idda, la signorina, chi la guerra è finita?"

-- translated by D. Orlando

25th April 2008

10:08pm: Lu turista 'mericanu e lu piscaturi sicilianu...


A boat docked in a small Sicilian village. An American tourist complimented a Sicilian fisherman on the quality of his fish and asked how long it took him to catch them.

"Pocu tempu," answered the Sicilian. "Not very long."

"But then, why didn't you stay out longer and catch more?" asked the American.

The Sicilian explained that his small catch was sufficient to meet his needs and those of his family.

The American asked, "But what do you do with the rest of your time?"

"À la mattina sta curcatu tardu, poi mi ni va piscari antichia, iuco cun li figghi mii, e in pomoriggiu fazzu 'na siesta cun la mugghieri. À la sira, vaiu in villaggiu pir virirri i mii amici, bivemu 'na pocu bicchieri di vinu, sunamu la chitarra, e cantamu 'na pocu canzuni. Aiu 'na vita bona." the Sicilian responds, "I sleep late, fish a little, play with my children, and take a siesta with my wife in the afternoon. In the evenings, I go into the village to see my friends, have a few drinks, play the guitar, and sing a few songs. I have a full life."

The American interrupted, "I have an MBA from Harvard and I can help you! You should start by fishing longer every day. You can then sell the extra fish you catch. With the extra revenue, you can buy a bigger boat."

"E doppu chistu?" asked the Sicilian, "And after that?"

"With the extra money the larger boat will bring, you can buy a second one and a third one and so on until you have an entire fleet of trawlers. Instead of selling your fish to a middle man, you can then negotiate directly with the processing plants and maybe even open your own plant. You can then leave this little village and move to Palermo, Rome, or even New York City! From there you can direct your huge new enterprise."

"E quantu tempu ci bisogna pir fari tuttu chistu?" asked the Sicilian, "How long would that take to do all that?"

"Twenty, perhaps twenty-five years," replied the American.

"Vinti cinc'anni! E doppu?"

"Afterwards? Well my friend, that's when it gets really interesting," answered the American, laughing. "When your business gets really big, you can start buying and selling stocks and make millions!"

"Miliuni? Davveru? E doppu chistu?" asked the Sicilian, "Millions? Really? And after that?"

"After that you'll be able to retire, live in a tiny village near the coast, sleep late, play with your children, catch a few fish, take a siesta with your wife and spend your evenings drinking and enjoying your friends."

The Sicilian fisherman laughed and walked away carrying his fish home.

The moral of the story: Sali metticini in 'na visazza, conzala come vuoi e sempri cucuzza.

14th April 2008

12:03pm: È chiddu chi è

È chiddu chi è! 
  puisia scrittu da Annette Russo Deveaux

È chiddu chi è,
Almenu chistu è chiddu chi discinu,
Campamu cun li scegli chi fascemu.
Ma chi cosa ama fari si di li scegli chi fascemu
Amu capitatu sulu un erruri?
Prima, chiddu chi ama fari è 'na passegiata,
Si tu li fa cunsumari a tia, lassa iri lu tu urgugliu.
Poi è necessariu di truvari ‘na moda pir superari,
Cun chistu tipu di spiritu,
Nun sulu ti po ghiri stortu.
Prima chi tu lu cunusci,
T'a fari ‘na passegiata,
Li nuvuli chi 'na vuota ti cupértanu,
Si ni vannu prestu.
L’iurni avanti diventanu cchiu luminusi,
E lu spiritu chi tu teni ava esseri cchiu liggeru.

~~~~~~~~~
traduttu in sicilianu da D. Orlando

Chistu era 'na gran puisia scritta da Annette Russo Deveaux, cugina di mii cugini. Era un cuincidenza chi l'uriginali era mannatu a mia via email. La sua puisia era scrittu in inglisi, e quannu lu liggivi iu viti na cosa quassi stessu comu li pruverbi di mi Ziu Filippu Russo e di mi patri Salvatore Orlando. "É chiddu chi é" cummincia cun lu fatalismu di "u muluni e la cucuzza," ma la pueta Annette Russo Deveaux sta discenu cun la sua puisia chi la sorta, lu destinu nostru si po canciari. Brava!

Clicca pir truvari ancora puisi di Annette Russo Deveaux (in inglisi).

5th April 2008

3:29pm: U muluni e la cucuzza...

PHILIP RUSSO
24 Marzo 1927 - 15 Marzo 2008

Mi Ziu Filippu muriu a lu sabatu passatu, prima di lu Duminica di Palmi. Ci sunnu tanti cosi da ricurdari di iddu, pirchi mi ziu era un omu bunissimu di tanti cosi. Pir vidiri un situ chi iu fisci pir Ziu Filippu, vai icca (in inglisi).

Ste'nata a parratu cu su figghiu, mi cuginu Joe. E iddu mi dissi ‘na storia chi mi retti lu disideriu di scriviri in chistu blog Cucuzza dopu tanti missi di scriviri pocu o nenti.

Mi cuginu mi dissi chi a l’ultimi simani di la vita di su patri, mi Ziu Filippu ci disceva assai cosi di lu nostru paisi di Balestrate e di cosi siciliani in particulari. Unu di li sui cusuzzi era un anticu pruverbu chi simmighiava lu pruverbu di mi patri, chiddu di la cucuzza - chi mi ha ispiratu lu nomu di chistu blog.

Lu pruverba di mi patri, Salvatore Orlando, era: “Sali metticini in ‘na visazza, conzala come vuoi e sempri cucuzza.”

Lu pruverbu di mi ziu, Philip Russo, era: “Quannu vai al negozziu pir scigliari un muluni d’acqua, si po tuccari e si po sciarrari, ma in finu dopu si porta a casa, e quannu lu tagghi e si apri, chi si sapi si è veramentu russu e duci.”

Li dui diversi pruverbi discinu la stessa cosa - chi in la vita e in tuttu chi potemu fari, ce sempri in fini lu gran Destinu!

L'hu truvatu ironicu chi tutti dui pruverbi parranu di cugini di la stessa famigghia di virdura: u muluni d’acqua e la cucuzza!

Li nostri patri, Ziu Filippu e Salvatore pighiavanu tantu di la terra, nun sulu cosi di mangiari, ma anchi cosi chi ni fannu pensari.

- Dominic Orlando

30th April 2007

9:24am: Amuninni!


Amuninni unni?

À Giapponi pir mangiari li cosi boni, li piatti tipici da la Sicilia - ad un Ristorante Amuninni.

Ho notatu chi lu menu nun ha inclusu lu piattu cchiu tipicu sicilianu, i rizzi - chiamati uni in Giapponi - ma ci'era lu carpaccio di pesce - lu sashimi sicilianu!

19th March 2007

9:07am: La simbologia di lu pani


Viva San Giuseppe!

Si t'interressi clicca icca pir leggiri la storia di lu pani di San Giusipuzzu à li pagini di lu Istituto Comprensivo "Rettore F. Evola" di Balestrate, Sicilia (lu paisi unni iu nascivi).

8th March 2007

3:44pm: La Sirenetta


"Chianci chianci eppoi t'accatti aranci... "

Si lu Mastru Disney era ancora vivu e puteva capiri lu sicilianu anchi iddu rireva.

3rd March 2007

7:05pm: L'arti di vinu


Di d’intra la mia friggirerra ci sunnu ‘na pocu buttighii di vinu spiciali. Nun sunnu vini famusi o cari, ma vini di n'annata impurtanti - lu vinu di casa fattu di mi Patri. E cchiu ‘ssai di 30 ‘anni chi chisti buttigghi hannu stati riffriddati.

U vinu è ‘na cosa viva e cun lu suo vinu ce ‘na parti niccareddu di mi Patri chi viva ancora.

Iu ci fisci l’etichetti pir li buttigghi di vinu di mi Patri pir unu di li sui cumplianni. Iddu rirreva sempri à lu mottu: “Vino di qualita, per uno generazione.” È risultatu d’esseri veru, pirchi nun faccemu lu vinu cchiu. L’arti di mi Patri è sparitu.

Pir virriri la butigghia cchiu granni clicca icca.

2nd March 2007

1:35am: L'occhi l'hannu


L'occhi l'hannu...

caminava passanu i porteddi chiusi
cun i segni chi mancavunnu l'invitu
pir virirri 'na vista o sentiri 'na parola
di la tua manifestaziuni illitronicha

pirchi i iurni sunnu tristi e cchiù lunghi
lu spaziu e l'acqua ferma currinu prufunnnu
attraversu u vuotu oceanicu distanti
sussutu sugnu mèntri tu dormi

senza assumi li vizzi amari di
rilevaziuni e di lu rifletturi cercati
quannu li cosi di lu cuori e di l'anima
impenetrabili, nun castigatu facilmenti

è cchiù megghiu di essiri fideli à la vuci d'intra'
pir quannu lu disideriu di la tua peddi forti si brucia
u riposu lunari si diventa facili cun sulitariu friscu
'na pausa breva di chiddu chi desiderà

ancora lu silenziu e lu vuotu è la risposta
chi cercati d'estinguiri u passiuni sarvaggiu
quannu cun assenza la menti è in convulzziuni
e la tendenza è di essiri un martiru

mi imprestavi 'na leziuni di chiddi cchiù saggi di mia
quannu Danielu si sittau in menzu un circhiu di liuni
'na pocu si fermaru, 'na pocu pregaru, e l'autri scapparu
era 'la fedi chi lu preventau di devintari pazzu

ma li prucessi che suppurtiamu pir innammurari
attraversa la distanza di spaziu, u tempu e l'atomu
è 'na granni 'spirienza nuova e nun uguali
ma simmighia l'intruduzziuni di la Eva à Adamu

pir chisti dui cristiani antichi, 'na coppia ideali
di 'na curiusità acuta nun ha scappatu di lu Paradisu
nun cumprumissaru, hannu fattu l'amuri e li picatti
e mai nun hannu persu la vista di l'amuri in l'occhi d'iddi


'na puisia da Dominic Orlando 9/5/96

26th February 2007

12:37pm: Forza Canetti!

James, à centru, cun su soru Cathy e frati Chris

Tanti auguri à James Canetti, figghiu di Balestrate, Sicilia via la sua matri Marianne chi è nata di la linia lunga LoMonaco. Di lu su patri Frank è discisu da Ischia, ma tutti sappemu chi sunnu li sui materiali genetichi siciliani chi ci runna la forza pir jucari lu "futbol 'mericanu" - e anchi pir jucari in l'Italia!

James è statu accettatu pir jucari pir la squatra di NFL a Bergamo, pir li Acufon Lions!



James nun sulu ci runa sua forza di musculi, ma anchi la sua forza di lu cervellu cun la parti di "assistant coach!"

Iddu arriva in Bergamo à lu 27 di fibbraiu. Putemu seguiri lu suo prugressu a http://www.bergamolions.it/
A lu website ce scrittu in 'talianu chistu:

James Canetti: Italiano d'America, James ha giocato DL/OL in college di DIV1aa a Charleston Southern University e alla Newberry University, in entrambe le scuole James ha ricoperto il ruolo di capitano risultando uno dei lineman più devastanti della lega. James arriva ai Lions nella doppia veste di assistant coach e giocatore, infatti per l'assurda regolamentazione italiana James è considerato straniero e quindi aiuterà come coach e giocherà in Eurobowl e sarà comunque a disposizione dei coach anche per il campionato italiano.

Quannu tu juochi forti, James, nun ti scurdari di divertiti puru, pirchi tu si in l'Italia!

Forza Acufon Lions! Forza Canetti!

25th February 2007

9:57pm: 'Na metafura...


Iu accatatu chistu portaciniri di alluminiu da eBay 'na pocu anni fa, pirchi mi piaciau la trinacria rappresentatu à lu menzu. Chiddu cu lu vinnniu a mia mi dissi chi era fattu in li tempi di l'occupaziuni di li surdati 'mericani, e li vinnevanu comu cusuzzi di ricordu. Li sigaretti iu nun li fumu cchiu, ma iu tenu lu portaciniri d'incapu lu scritturiu comu un "paperweight."

Stasira avutu 'na pinsatu, chi chistu portaciniri Sicilianu significa la metafura perfetta pir la Sicilia - ha pinsari l'Italia è comu un sigaro granni. Aiu ragiuni, no?

22nd February 2007

12:21am: Panelli nostri...


'Na pocu misi fa mi soru Josephine e cuginu Dominic hannu avutu lu desideriu di ricreari li panelli, un piatto favuritu da infanzia, chi i nostri Patri eranu boni a fari.

Panelli, un tipu di frittedda di cìciri, è la cosa cchiù vicinu a "fast food" sicilianu nazionali. In li Stati Uniti nun si po truvari chista delicatezza. Ma la farina si po accatari in tanti salumerii 'taliani, e doghu lu pigghiamu 500g di Terravecchia Farina di Ceci pir li nostri proprii panelli, chi Josephine e Dominic hannu fattu cun gran successu!

Pir la storia in fotu e vidiu clicca icca.

21st February 2007

4:00pm: Li jurni innucenti...

Dominic e li sui cugini sicilianeddi - Polaroid da Salvatore Orlando, 1969

Tutta la jurnata ha sunatu la music di li Beatles, e giustu giustu mi vinni un ricordu. Cuannu iu era in vacanza in '69 cu mi Patri e cuginu in Sicilia, la gran canzuna era "Get Back" e si sinteva tutta 'banni. Li mi cugini Siciliani nun capevanu li paroli, ma tutti la cantavanu. A chistu tempu un giurnalettu locali scrisi 'na traduzioni di la canzuna. Lu leggiu iu cu risati, pirchi a la parti cuanna Paul cantau "to get some California grass," era traduttu "per ottenere un po di campo della California!"

Era evidenti chi lu giurnali ha desideratu proteggeri l'innocenti, trasfurmannu un affari di li droghi ad una transaziuni di la proprietà!

Chi jurni innucenti eranu.

19th February 2007

9:43pm: Lu pisatu


Lu pisatu

Tunna, palummu miu, tagghiami l'antu,
ca iu mi 'mpernu a stì giòi, e tu a lu vientu,
e 'mmentri ca l'ammaci, scialu e cantu.
Abballa uè... lu suli jttau lu mantu,
e st'aria rivistìu d'oru e d'argentu.
Allièstiti, o 'Rosa, e viènimi accantu,
c'avvèspiru accapamu stù frummientu.


-- Un sturnieddu scrittu da Paolo di Lingua Siciliana, Gruppo Yahoo.

16th February 2007

10:27pm: Doppu lu cuncertu...


Dui cuncertisti, unu Milanisi e l'autru Sicilianu, si incuntranu in la bar di un notu risturanti.

Lu Milanisi raccunta: "Ieri sira ho tenutu un cuncertu alla Scala, appena ho finitu di sunari l'urtima nota, c'è statu un'ovaziuni generali, lanci di ciuri supra palcu, applausi, tutti battevanu li mani susuti... Chiddu chi mi ha fattu cchiù piaciri è chi lu sinnacu onorevoli sattau supra lu palcu e mi strinciu la manu e mi dissi: "Cumplimenti. Tu ci ha commossu! Persinu la Madonnina ha chianciuttu!"

Lu Sicilianu rispunni, "Anch'iu ho tenutu un cuncertu ieri sira allu Teatro Massimo, appena iu finivi di sunari l'urtima nota, c'è statu un'ovaziuni generali, lanci di ciuri sul palcu, applausi, tutti battevanu li mani susuti... Ma chiddu che mi ha stupitu è chi si è aperta la porta. In funnu ed è entratu u Gesù, è sattau supra palcu, mi strinciu la manu e mi dissi, "Complimenti! Tu a sunatu bonissimu! No commu chiddu strunzu Milanisi ca' fattu chiangire la Mammà mia!"

[Grazzi assai à miu cuginu Giuseppe pir la barzelletta.]

15th February 2007

7:45pm: La Chiazza di Balestrate

foto: Jumbo Viaggi di Balestrate

L'autru jornu cuanna faceva lu "surfing" sul l'Internet ha truvato 'na ritratta squisita di Balestrate, lu paisi unni iu nascivi. Era un foto di Piazza Rettore Evola, sparratu in uni di chisti jornati biddissimi, cun lu suli Sicilianu brillanti e cun lu ciellu chinu chinu di nuvoli. 'Na biddizza di veru.

Si lu vuoi virriri, clicca la Chiazza di Balestrate.

Pir un foto chiu granni ancora, vai icca.

14th February 2007

12:00am: Lu jornu cuannu pirdemu la testa

Ieri iu parava cu mi Matri a lu telefuno, e mi disi che idda a leggiutu la storia di San Valentinu. Mi Matri ci piasci a leggeri li viti di li Santi, e há truvatu tanti siti sul Internet. Allura, idda mi dissi 'na cosa chi iu nun sapeva: San Valentinu era un martiru - chissu manche cosa nova, tanti Santi diventanu Santi a cussi. Ma, San Valentinu si pirdiu la vita in 'na moda particulari - ci tagghiaru la testa! E la prima cosa chi pensava era: Ma chissu e logicu, pirchissu l'annu fattu San Valentinu lu santu di l'amuri - pirchi iddu si pirdiu la testa, e tutti sapemu chi cuannu ni n'amuramu, perdemu la testa.

Doppu, ha leggiutu 'na pocu cosi di bizzarru circa San Valentinu - i suoi relicchi santi cunsistunu di tri corpi e di un teschiu!

13th February 2007

2:52am: Anu mazzatu a cumpari Turiddu

Filippo Leonardi e Massimo Paratore sunnu musicisti di roch'inrollu da Mirabella Imbaccari, Sicilia. Ca cé "Anu mazzatu a cumpari Turiddu," 'na canzuna e vidiu di musica miravighiusa.
2:44am: Doppu un annu e menzu...
... iu sentu un disideriu di scriviri in la mia Cucuzza blog. Mi bisogna la pratica, pirchi ogni jornu mi sta pirdennu la lingua di mi patri e matri. La generaziuni mia nun parranu cchiu comu prima. Cun li nostri zii, nonni and genituri chi stannu partennu pir lu paradisu, la lingua sta murennu puru. Ma icca in chistu blog iu possu veneri e scriviri li pinsati siciliani mii. Speramu chi iu nun mi fermu.

13th August 2005

3:34pm: Chi cosa m'insignatu...
A statu sconusciutu fuori linea reti pir così assai tempu. Chisti ultimi misi certamenti hannu inclusu addolorarsi - inutri stannu liberannu. In una manu, non essennu attacatu al computer è statu terapeuticu, d'autra parti, mi sentu antichia culpevuli pir nun cunfessari li mii sentimenti e emuzziuni a chistu giurnali illetronichu.

Ancora lu trovu 'na cosa stupendi quantu facili vieni a tanti di tui, in modu prontu pir visualizzari li tui pinsati e sensibilità, e circa li tui frustrazioni e duluri. Ai relativi mumenti chiù facili, pu esseri exhibitionismu impressionabili, ai autri tempi ennoblimenti, essu sta raggiungennu fuori e sta mitennu la sua testa d'in capu la nostri spaddi virtuali collettivi. Tutti dui raggiunni mi piascianu

Chi cosa m'insignatu chisti ultimi misi di la perdità del lu miu patri?

Tri cosi in fatti:
1.) Chi la morti è troppu valutata.
2.) Pirchi la vita è valutata di menu.
3.) E chi "la cosa principali è l'amuri."

25th April 2005

1:30pm: Requiescat in pace, Papà
Salvatore Orlando
August 5, 1918
April 25, 2005

Angelo di Dio che sei il mio custode,
illumina, custodisci, reggi e governa me,
che ti fui affidato dalla Pietà Celeste.
Amen.
~~~~
Gesù, Giuseppe e Maria, vi dono il
cuore e l’anima mia.
Gesù, Giuseppe e Maria, spiri in pace
con voi l’anima mia.
~~~~
Io vi amerò dal cielo
come vi ho amato
sulla terra.


Angel of God,
My Guardian Dear,
to whom His love commits me here,
ever this day be at my side,
to light and to guard,
to rule and guide.
Amen.
~~~~
Jesus, Joseph and Mary, to you I give
my heart and soul.
Jesus, Joseph and Mary, my spirit's last
breath in peace with you.
~~~~
I will love you from Heaven
as I have loved you
on Earth.

14th February 2005

7:44pm: Gastronomia di Balestrate: Tunnu a sfinciuni

Mattanza di tunnu, Sicilia [foto: www.comen.org]

Tunnu a sfinciuni

Ingredienti:

Tunnu a fetti kg. 1, muddica gr. 200 circa, cipuddi grossi dui, pumidoru maturi gr. 500, orenu, oghiu, sali, spezi.

Preparazioni:

Bagnati li fetti di tunnu in un battutu di oghiu, sali e orenu ed impostateli in una tigghia. Copriteli cun la muddica, fetti di cipudda, li pumidoru spellatu senza simenza, a pizzudicchi.

Completati a finali cun un seconnu stratu, conditi cun oghiu, l'autru orenu e passati a fornu caudu pir quasi 15 minuti, badanno però a nun fari siccari troppu lu pisci.


sicilia.indettaglio.it

11th February 2005

4:10pm: Cognome in Italia


Grazii al Internet, li ultimi jorni sto divertennu cun la corrispunnenza dei lu email cun i certi parenti possibili, Dante e Joseph. Cu sapi, avemu lo stessu cugnomu e paisisceddu. Ci manevi chistu mappa pir fari a vidirri chi la famigghia Orlando sunnu in tuttu l'Italia e Sicilia, e forsi in tuttu lu munnu! Purremu esseri tutti parenti?! Vai a chistu situ e prova li tui cugnomi.

9th February 2005

4:43pm: 'Cca sugnu... ha riturnatu!

L'ascedduzzi chi sempri hannu lu 'pittitu.

A passatu troppu sai tempu di cuannu iu ha scrittu in la Cucuzza. L'ultima vuota era a la notti di Natale di l'annu scorsu. Nun c'iaiu l'escusa bona, sulu ti vogghiu diri chistu: pir scriviri 'cca e l'autri "blog" mi manciava lu tempu - e puru mi sintiva comu la mamma asceddu chi sempri aveva dari manciari a li figghii chi eranu morti di fami!

A dumani iu cumenciu a scriviri cosi novi. Oggi iu ritornu a lu nidu miu chi si chima Cucuzza pir n'anticchia di riflesu. Ci vidiamu!

-- D. Orlando
Powered by LiveJournal.com